Come si fa una mappa mentale

By | 21/09/2012

Hellllloooou

Oggi vengo subito all’uovo sodo che non si sa se sia arrivato prima o dopo la gallina ma, detto fra di noi, chissenefrega alla fine?

Argomento della seguente trattazione è la metodologia di creazione di una mappa mentale.

Quindi, ora andiamo sul pratico:

Come si fa una mappa mentale?

Chiuditi in una stanza, appendi fuori il cartello “Non Disturbare il Conducente“, elimina qualsiasi distrazione compresi i poster di Tiziano Ferro e di Arisa in tanga, e diamo fuoco alle polveri.

Do Not Disturb

Da appendere fuori dalla zona studio

Hai davanti il foglio? Bene, mettilo con il lato lungo in orizzontale, prendi la confezione di penne (o matite) colorate, aprila e disponi i colori che più ti ispirano a lato del foglio.

Consiglio del giorno:

lascia perdere – o comunque usa con “giudizio”- cose troppo chiare come il giallissimo Miley Cyrus, l’azzurrino Zac Efron o il bianco capellidiMorgan.

Ora, chiudi gli occhi per qualche secondo, fai dei bei respiri profondi e rilassati… immagina una situazione in cui sei totalmente e profondamente rilassato… può essere una spiaggia paradisiaca, o un tramonto sul lago, o quello che più ti aggrada e ti rende rilassata…

Se la cosa ti può aiutare, puoi anche mettere della musica di sottofondo. Ovviamente dalla scelta del cd sono esclusi i Cannibal Corpse et simila…  :mrgreen: Appena hai raggiunto il rilassamento desiderato e ti senti pronta ad iniziare, ancor prima di aprire gli occhi,  fatti questa domanda:

  • Che cosa voglio mappare?

In soldoni, qual è l’argomento principale del lavoro che stai per andare a compiere?

Immaginiamo, ad esempio, che tu voglia creare la mappa mentale di un libro sull’argomento X.

  • Prima cosa da fare, disegnare, nel centro esatto del foglio una bella immagine colorata di qualcosa che rappresenti, per te, quel libro, o quell’argomento. Questo è il punto nevralgico della mappa, perché da esso si ramificheranno tutti i concetti importanti
  • Pensando ai temi principali trattati (che possono anche essere i titoli dei capitoli, se non vuoi fantasticare troppo…) fai partire per ognuno di essi un Ramo Principale (ossia un ramo, piuttosto spesso, che parte dall’immagine centrale) e scrivi sopra di esso la Parola Chiave, ossia una parola che faccia automaticamente scattare, dentro di te, l’associazione con il concetto desiderato. Se possibile, insieme alla parola usa anche un disegno “esplicativo”, perché aiuta molto a creare la suddetta associazione. Ad esempio, se il concetto fosse “matrimonio”, potresti disegnare due fedi nuziali intrecciate, oppure un uomo dietro le sbarre… vedi tu.  😆
  • Da ognuno dei rami principali, partiranno altri rami – detti secondari – più piccoli e sottili dei precedenti, che servono a sviluppare il concetto del ramo di appartenenza. Quindi, continuando con la parola “matrimonio”, dal suo ramo potranno partire altri X rami che sviluppano ciò che, nella tua mente, è collegato a questa parola

    Condannato a 25 anni di matrimonio. Libero con la promessa di fare Mappe Mentali.

  • Aggiungi tanti rami quanti sono i concetti che, vedrai, spunteranno come per magia nella tua testolina
  • Cerca di usare meno parole possibili. Meglio “Medici 1866” piuttosto che “trentatré trentini entrarono a Trento, tutti e trentatré trotterellando…”
  • Utilizza più colori e più disegni possibili
  • Dai sfogo a tutta la tua creatività
  • DIVERTITI!!!
  • Lascia a casa della vicina tutti i giudizi tipo “non son capace a disegnare“, “più che un pulcino sembra un lupo mannaro“, “le righe son storte“, “guarda che brutto” e blabla vari. Riprenditi il divertimento bambinesco nel fare le cose!  Se ti vien da ridere… meglio. Non è importante che sia “bello” ma che funzioni
  • Una volta completata la mappa, mettila da parte e… fanne un’altra, più fantasiosa e colorata della precedente, e vedrai che molto probabilmente spunteranno altri concetti…  😉

Secondo consiglio del giorno:

Ora sai come si fa una mappa mentale, ma ricordati sempre:

PRIMA di mappare i concetti di un libro, o di un capitolo, o di qualunque argomento che stai per studiare, crea una mappa in cui butti giù tutto quello che SAI già di quell’argomento.

Scegli il libro che preferisci e… PARTI!

Quindi se stai per metterti a leggere “Come beccare un bastardo dal suo segno zodiacale” di Adele Lang, prima ancora di cominciare il capitolo I, mappa quello che già sai di questo argomento. Come? Dici che non ne sai nulla? Apri la mente, rilassati, fidati di te e… vedrai.  😎

2 thoughts on “Come si fa una mappa mentale

Rispondi a Simone Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *